1
1

Calendario Scolastico A.S. 2017/2018

Calendario scolastico 2017/2018

Prenotazione Colloqui settimanali

Per consultare le istruzioni relative alla prenotazione dei colloqui settimanali con i Docenti utilizzare il seguente link:

Prenotazione colloqui settimanali

Organizzazione delle lezioni - Istituto Tecnico "Carlo d'Arco"

Istituto Tecnico "Carlo d'Arco"

Considerati gli accordi stipulati tra APAM, Provincia di Mantova e l'Ufficio Scolastico Provinciale, considerato il monte ore settimanale delle varie classi, lo schema di organizzazione delle lezioni è riportato nella seguente tabella:

Organizzazione settimanale delle lezioni

Giorni Mattino Pomeriggio
Lunedi 08,00 ÷ 13,00 (14,00)*
/
Martedi 08,00 ÷ 13,00 /
Mercoledi 08,00 ÷ 14,00 /
Giovedi 08,00 ÷ 13,00 /
Venerdi 08,00 ÷ 14,00 /
Sabato 08,00 ÷ 13,00 /

Scansione oraria delle lezioni: Lunedì, Martedì, Giovedì e Sabato

Periodo Inizio/Fine
Mattino 1° ora 08,00 ÷ 09,00
2° ora 09,00 ÷ 10,00
3° ora 10,00 ÷ 10,55
Intervallo 10,55 ÷ 11,05
4° ora 11,05 ÷ 12,00
5° ora 12,00 ÷ 13,00
6° ora (classi prime, solo lunedì)
13,05 ÷ 14,00

Scansione oraria delle lezioni: Mercoledì e Venerdì

Periodo Inizio/Fine
Mattino 1° ora 08,00 ÷ 09,00
2° ora 09,00 ÷ 09,55
Intervallo 09,55 ÷ 10,05
3° ora 10,05 ÷ 11,00
4° ora 11,00 ÷ 11,55
Intervallo 11,55 ÷ 12,05
5° ora 12,05 ÷ 13,00
6° ora 13,00 ÷ 14,00

* Solo per le classi prime, a causa dell'introduzione da parte del Ministero dell'insegnamento di Geografia, al lunedi le lezioni terminano alle ore 14,00. Per tali classi, al lunedi, è pertanto prevista una seconda ricreazione dalle ore 13,00 alle ore 13,05.

Organizzazione delle lezioni - Liceo "Isabella d'Este"

Liceo "Isabella d'Este"

Considerati gli accordi stipulati tra APAM, Provincia di Mantova e l'Ufficio Scolastico Provinciale, considerato il monte ore settimanale delle varie classi, lo schema di organizzazione delle lezioni è riportato nella seguente tabella: 

Organizzazione settimanale delle lezioni

Giorni Mattino Pomeriggio
 Lunedi 08,00 ÷ 13,00 /
 Martedi 08,00 ÷ 13,00 /
 Mercoledi 08,00 ÷ 14,00 /
 Giovedi 08,00 ÷ 13,00 /
 Venerdi 08,00 ÷ 14,00  /
 Sabato 08,00 ÷ 13,00  /

Le classi prime e seconde dei nuovi corsi Liceo delle scienze umane e Liceo delle scienze umane - opzione economico-sociale hanno invece un orario complessivo pari a 27 ore settimanali, pertanto la frequenza alle lezioni è prevista dalle ore 08,00 alle ore 13,00 nei gioni di Lunedi, Martedi e Giovedi, e dalle ore 08,00 alle ore 14,00 nei giorni di Mercoledi e Venerdi. Sabato libero. Le altre classi, in base al rispettivo monte ore settimanale, escono anticipatamente al sabato.

Scansione oraria delle lezioni: Lunedì, Martedì, Giovedì e Sabato

  Periodo Inizio/Fine
Mattino 1° ora 08,00 ÷ 09,00
2° ora 09,00 ÷ 10,00
3° ora 10,00 ÷ 10,55
Intervallo 10,55 ÷ 11,05
4° ora 11,05 ÷ 12,00
5° ora 12,00 ÷ 13,00

 

Scansione oraria delle lezioni: Mercoledì e Venerdì

  Periodo Inizio/Fine
Mattino 1° ora 08,00 ÷ 09,00
2° ora 09,00 ÷ 09,55
Intervallo 09,55 ÷ 10,05
3° ora 10,05 ÷ 11,00
4° ora 11,00 ÷ 11,55
Intervallo 11,55 ÷ 12,05
5° ora 12,05 ÷ 13,00
6° ora 13,00 ÷ 14,00

 

Regolamento di Istituto

Per visualizzare il regolamento di istituto utilizzare il link sottostante.

Regolamento di Istituto

Regolamento di valutazione alunni

Per visualizzare il regolamento di valutazione alunni utilizzare il link sottostante.

Regolamento di valutazione alunni

Criteri di valutazione quadrimestrali e finali

CRITERI DI VALUTAZIONE QUADRIMESTRALE

La valutazione quadrimestrale è espressa in modo collegiale sulla base di una proposta di voto dei singoli docenti,  accompagnata da un motivato giudizio che viene formulato anche per iscritto in un’apposita scheda.

Essa tiene conto di molteplici elementi:

  • Livello di profitto raggiunto, derivante da prove di accertamento coerenti con una struttura modulare di insegnamento, aperta a molteplici forme di apprendimento: conoscenze, competenze, padronanza, abilità;
  • Partecipazione all’attività didattica e al dialogo educativo;
  • Impegno rispetto alle scadenze assegnate dai docenti per le attività didattiche;
  • Comportamento durante tutto il periodo di permanenza nella sede scolastica(art.2 L. n.169/2008 e D.M. n. 5 del 16/01/209), come da griglia  deliberata dal Collegio dei Docenti in data 23/01/2009.

 

CRITERI DI VALUTAZIONE FINALE

La valutazione di fine anno scolastico considera con attenzione i parametri sopra esposti in relazione ad un arco temporale più ampio. Specificatamente “Il docente della disciplina propone il voto in base ad un giudizio motivato desunto dagli esiti di un congruo numero* di prove effettuate durante l’ultimo quadrimestre e sulla base di una valutazione complessiva dell’impegno, interesse e partecipazione dimostrati nell’intero percorso formativo. La proposta di voto tiene altresì conto delle valutazioni espresse in sede di scrutinio intermedio nonché dell’esito delle verifiche relative ad eventuali iniziative di sostegno e ad interventi di recupero precedentemente effettuati.”(O.M. 5 novembre 2007, n. 92)

*Il docente, per quanto riguarda la congruità del numero di prove, fa riferimento alle determinazioni assunte dai Dipartimenti disciplinari nella seduta del 11 settembre 2009.

A) CRITERI DI NON AMMISSIONE ALL’ANNO SUCCESSIVO

Il Consiglio di Classe può deliberare, dopo opportuna analisi da effettuarsi caso per caso, la non ammissione alla classe successiva qualora si verifichi almeno una delle seguenti condizioni:

  • presenza di almeno due gravi insufficienze (2-3);
  • insufficienze nette (4)° o gravi in almeno tre discipline;
  • insufficienze lievi (5)° in almeno quattro discipline;
  • votazione sul comportamento inferiore a sei decimi.

 In condizioni del tutto particolari, che devono essere adeguatamente verificate ed attestate, quali: ricoveri ospedalieri di lunga durata, ripetute degenze anche brevi, trasferimento del nucleo familiare…che comportino la mancanza di giudizio in non più di due discipline, è consentito il rinvio del giudizio finale al mese di settembre dopo  che l’allievo avrà affrontato un esame su dette discipline.

B) CRITERI DI SOSPENSIONE DEL GIUDIZIO FINALE

“Nei confronti dello studente per il quale, in sede di scrutinio finale è stato constatato il mancato conseguimento della sufficienza in una o più discipline, che non comporti tuttavia” - sulla base di quanto previsto ai punti precedenti –“ un immediato giudizio di non promozione, il Consiglio di Classe procede al rinvio della formulazione del giudizio finale.

La scuola comunica subito alle famiglie, per iscritto, le decisioni assunte dal Consiglio di Classe, indicando le specifiche carenze rilevate  dai docenti delle singole discipline e i voti proposti in sede di scrutinio nella disciplina o nelle discipline nelle quali l’alunno non ha raggiunto la sufficienza. Contestualmente vengono  comunicati gli interventi didattici finalizzati al recupero dei debiti formativi che la scuola è tenuta a portare a termine entro la fine dell’anno scolastico, le modalità e i tempi delle relative verifiche.
Se i genitori o coloro che ne esercitano la relativa potestà non ritengono di avvalersi delle iniziative di recupero organizzate dalla scuola, debbono comunicarlo alla scuola stessa, fermo restando l’obbligo per lo studente di sottoporsi alle verifiche previste.

"A conclusione dei suddetti interventi didattici, di norma entro il 31 agosto e comunque non oltre la data di inizio delle lezioni dell’anno scolastico successivo, il Consiglio di Classe, in sede di integrazione dello scrutinio finale, procede alla verifica dei risultati conseguiti e alla formulazione del giudizio definitivo che, in caso di esito positivo, comporta l’ammissione dell’alunno alla frequenza della classe successiva.” (D.M. 3 ottobre 2007, n. 80) 

C) CRITERI DI AMMISSIONE ALL’ESAME DISTATO

Il Consiglio di Classe delibera l’ ammissione all’esame di Stato considerando i seguenti elementi:

  • progresso rispetto ai livelli  iniziali;
  • evoluzione personale e culturale nell’arco del quinquennio;
  • conseguimento nello scrutinio finale di un voto non inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con l'attribuzione di un unico voto secondo l'ordinamente vigente;
  • votazione sul comportamento non inferiore a sei decimi. 

D) CRITERI DI ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO

Il punteggio per il credito scolastico, per le classi terze del corrente A.S. 2009/2010, viene attribuito sulla base delle indicazioni ministeriali contenute nel D.M. 99 del 16/12/2009, mentre per le classi quarte e quinte del corrente A.S. 2009/2010 viene attribuito sulla base delle indicazioni ministeriali contenute nel D.M. 42 del 22/05/2007.

E) CRITERI DI VALUTAZIONE DEI CREDITITI FORMATIVI

I crediti formativi, perché siano valutati dai Consigli di Classe, devono consistere in qualificate, serie e continuative esperienze, debitamente documentate, coerenti con gli obiettivi educativi e formativi del corso di studi.  Le esperienze che danno luogo all’acquisizione dei crediti devono essere effettuate  al di fuori della scuola in ambiti e settori della società legati alla formazione della persona, alla crescita  umana, civile e culturale, alla formazione professionale, al lavoro, al volontariato, alla solidarietà, alla  cooperazione e allo sport. Iniziative complementari ed integrative non danno luogo all’acquisizione dei crediti formativi. 

INDICATORI E DESCRITTORI DELLA VALUTAZIONE (GRIGLIA DI CORRISPONDENZA) 

Voto/10 Conoscenze Competenze Capacità
1 Nessuna Nessuna Nessuna

2

Gravemente insufficienti. Non riesce ad orientarsi anche se guidato

Nessuna Nessuna
3

Gravemente insufficienti. Frammentarie e gravemente lacunose

  • Applica le conoscenze minime solo se guidato, ma con gravi errori.
  • Si esprime in modo scorretto e improprio. Compie analisi errate 
Nessuna
4 Lacunose e parziali
  • Applica le conoscenze minime se guidato, ma con errori.
  • Si esprime in modo scorretto ed improprio.
  • Compie analisi lacunose e con errori.
Compie sintesi scorrette
5 Limitate e superficiali
  • Applica le conoscenze con imperfezioni.
  • Si esprime in modo impreciso.
  • Compie analisi parziali.

Gestisce con difficoltà situazioni nuove semplici

6

Abbastanza complete ma non approfondite 

  • Applica le conoscenze senza commettere errori sostanziali.
  • Si esprime in modo semplice ed abbastanza corretto.

Rielabora sufficientemente le informazioni

7

Complete, se guidato sa approfondire 

  • Sa individuare elementi e relazioni con sufficiente correttezza ed applica le conoscenze a problemi semplici.

Rielabora sufficientemente le informazioni e gestisce situazioni nuove e semplici

8

Complete, con qualche approfondimento autonomo 

  • Applica autonomamente le conoscenze anche a problemi più complessi, ma con imperfezioni.
  • Espone in modo corretto e linguisticamente appropriato.

Rielabora in modo corretto le informazioni e gestisce le situazioni nuove in modo accettabile

9

Complete, con qualche approfondimento autonomo

  • Applica autonomamente leconoscenze anche a problemi più complessi.
  • Espone in modo corretto e con proprietà linguistica.
  • Compie analisi corrette; coglie implicazioni; individua relazioni in modo completo.

Rielabora in modo corretto e completo

10

Complete, organiche, articolate e con approfondimenti autonomi

  • Applica le conoscenze in modo corretto ed autonomo , anche a problemi complessi.
  • Espone in modo fluido e utilizza i linguaggi specifici.
  • Compie analisi approfondite e individua correlazioni precise

Rielabora in modo corretto, completo ed autonomo

 

 

Criteri di attribuzione voto di condotta

Ai sensi della Legge 30/10/2008 n. 169 art. 2 e del D.M. n. 5 del 16/01/2009, il Collegio Docenti, al fine di garantire uniformità nelle decisioni, invita i Consigli di Classe a giudicare il comportamento degli allievi tenendo conto di questi indicatori:

  • interesse e partecipazione attiva alla vita scolastica;
  • collaborazione con i docenti, solidarietà con i compagni,rispetto del personale non docente;
  • cura delle cose e dell’ambiente;
  • puntualità e costanza nell’assolvimento degli impegni a casa e a scuola;
  • rispetto delle norme d’istituto.

Ciascun Consiglio di Classe, su proposta del coordinatore di classe, attribuisce collegialmente ad ogni allievo il voto di condotta in base alla maggiore coerenza con uno dei seguenti profili:

voto 10: vivo interesse e partecipazione attiva alla vita scolastica in tutti i suoi aspetti, ruolo propositivo all'interno della classe e disponibilità alla collaborazione, rapporti sempre corretti e rispettosi nei confronti dei coetanei e degli adulti, responsabilità e costanza nell’adempimento dei doveri scolastici, rispetto dell’orario delle lezioni, convinta osservanza del regolamento scolastico.

voto 9: buon interesse e partecipazione attiva alla vita scolastica nei suoi vari aspetti, ruolo propositivo all'interno della classe e disponibilità alla collaborazione, rapporti sempre corretti e rispettosi nei confronti dei coetanei e degli adulti, responsabilità e costanza nell’adempimento dei doveri scolastici, rispetto dell’orario delle lezioni, osservanza del regolamento scolastico.

voto 8: discreto interesse e partecipazione attiva alle lezioni, ruolo generalmente propositivo e collaborativo all’interno della classe, costante adempimento dei doveri scolastici, equilibrio nei rapporti interpersonali, rispetto degli orari e delle norme d'Istituto.

voto 7: sufficiente interesse per le lezioni, ruolo generalmente positivo all’interno della classe, selettiva disponibilità a collaborare, correttezza nei rapporti interpersonali, adempimento normalmente puntuale dei doveri scolastici, rispetto degli orari e delle norme d'Istituto.

voto 6: limitato interesse per le discipline, presenza in classe non sempre costruttiva o per passività o per eccessiva esuberanza, occasionale scorrettezza nei rapporti interpersonali, svolgimento poco puntuale dei compiti assegnati, frequenti ritardi  e assenze non suffragate da adeguata documentazione, infrazioni lievi alle norme d’istituto. Questo voto è attribuito in presenza di comportamenti impropri documentati da note scritte sul registro di classe e/o  altri provvedimenti disciplinari.

voto 5 o inferiore a 5: disinteresse per le varie discipline e frequente disturbo dell'attività didattica,  funzione negativa all'interno della classe, episodi di mancanza di rispetto nei confronti di coetanei e adulti, ripetuti comportamenti scorretti, gravissime infrazioni alle norme d’istituto. Questo voto viene attribuito solo se preceduto da gravi provvedimenti disciplinari (almeno un provvedimento di sospensione o sanzione di natura educativa e riparatoria) e da numerose note disciplinari assegnate da più docenti sul registro di classe e se, “successivamente alla irrogazione delle sanzioni di natura educativa e riparatoria previste dal sistema disciplinare, l’allievo non ha dimostrato apprezzabili e concreti cambiamenti nel comportamento, tali da evidenziare un sufficiente livello di miglioramento nel suo percorso di crescita e di maturazione in ordine alle finalità educative di cui all’articolo 1 del  Decreto” ( n. 5  del 16/01/2009). Dei provvedimenti disciplinari è sempre stata informata la famiglia.

Tabella Credito Scolastico

Si riporta di seguito la tabella per l'assegnazione del credito scolastico per i candidati interni.


TABELLA A (D.M. 99/2009)

(sostituisce la tabella prevista dall'articolo 11, comma 2, del D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323, così come modificata dal D.M. n. 42/2007)

CREDITO SCOLASTICO

Candidati interni

Media dei voti Credito scolastico (punti)
I anno II anno III anno
M = 6 3-4 3-4 4-5

6 < M ≤ 7

4-5 4-5 5-6
7 < M ≤ 8 5-6 5-6 6-7
8 < M ≤ 9 6-7 6-7 7-8
9 < M ≤ 10 7-8 7-8 8-9

NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Al fini dell’ammissione alla classe successiva e dell’ammissione all’esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, nessun voto può essere inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con l'attribuzione di un unico voto secondo l'ordinamento vigente. Sempre ai fini dell’ammissione alla classe successiva e dell’ammissione all’esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, il voto di comportamento non può essere inferiore a sei decimi. Il voto di comportamento, concorre, nello stesso modo dei voti relativi a ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con l’attribuzione di un unico voto secondo l’ordinamento vigente, alla determinazione della media M dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Il credito scolastico, da attribuire nell'ambito delle bande di oscillazione indicate dalla precedente tabella, va espresso in numero intero e deve tenere in considerazione, oltre la media M dei voti, anche l'assiduità della frequenza scolastica, l'interesse e l'impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività complementari ed integrative ed eventuali crediti formativi. Il riconoscimento di eventuali crediti formativi non può in alcun modo comportare il cambiamento della banda di oscillazione corrispondente alla media M dei voti.

Per la terza classe degli istituti professionali M è rappresentato dal voto conseguito agli esami di qualifica, espresso in decimi (ad esempio al voto di esami di qualifica di 65/centesimi corrisponde M = 6,5).

Piano di Gestione delle Emergenze

Per visualizzare i Piani di Gestione delle Emergenze dell'Istituto Tecnico "Carlo d'Arco" e del Liceo "Isabella d'Este" utilizzare il link corrispondente.

Piano di gestione delle Emergenze "C. d'Arco"

Piano di Gesione delle Emergenze "I. d'Este" 

Infortuni allievi: Procedure

Infortuni allievi: Procedure