Martedì 9 maggio presso il Museo Archeologico Nazionale di Mantova gli studenti delle classi 3AM, 4BE, 3BG, accompagnati dai proff. Paolo Ceriani, Francesca Morselli e Costanza Bertolotti, hanno incontrato l’artista Ettore De Conciliis. De Conciliis, nato ad Avellino nel 1941, è l’autore del Memoriale di Portella della Ginestra (1980), una delle più importanti opere di land art in Italia. Tra le sue opere di arte pubblica si possono ricordare il Murale della Pace (1965) nella Chiesa di S. Francesco ad Avellino; il Murale contro la mafia (1968) nel Centro Studi di Danilo Dolci a Trappeto in Sicilia; il Monumento alla Liberazione (1974) a Campogalliano (Modena); e il Parco della Pace di Roma (2007). A queste opere si possono aggiungere i murales che ancora oggi decorano le pareti del Liceo Isabella d’Este di Mantova, che De Conciliis realizzò alla fine degli anni Sessanta su incarico dell’Amministrazione Provinciale. Se nella prima parte della sua carriera l’artista ha affrontato soprattutto temi di rilevanza pubblica, politica e sociale, come la pace, la religione, la fratellanza, il lavoro e la scienza – che sono oggetto anche dei murales del Liceo – , in anni recenti si è dedicato alla rappresentazione della natura e del paesaggio. Attenzione particolare egli ha riservato all’acqua, come testimoniano i dipinti esposti nella mostra «Dipinti sull’acqua: da Benvenuti a de Conciliis (1815-2017)» allestita presso il Museo Archeologico Nazionale (resterà aperta fino al 28 maggio). Delle sue prime opere e di quelle più recenti, della sua concezione del bello e dell’esperienza estetica, del suo rapporto con Mantova – città d’acque e di nebbie – De Conciliis ha conversato con gli studenti, che gli hanno rivolto numerose domande. L’incontro, organizzato dal prof. Paolo Ceriani, è stato allietato da una piacevole esibizione musicale degli studenti della 3AM del Liceo Musicale.

 

Immagine%201.jpgImmagine%202.jpg